Per offrirti un servizio su misura Farmacia Dottor Cattaneo utilizza cookie. Continuando la navigazione autorizzi l'uso dei cookie.  OK   Scopri di più

Spedizione gratuita
per ordini superiori a € 50,00 Spedizione gratuita per ordini superiori a 50 €

Uno staff a tua disposizione
Menù categorie
Login
Il Tuo Carrello 

Onetouch Vita 100 strisce

Onetouch Vita 100 strisce
Un prodotto

Lifescan

Listino

€ 134,00

Online

120,00

- 10%

Spedizione gratuita per ordini superiori a € 50,00

Spedizione gratuita per ordini superiori a € 50,00 

ULTIME CONFEZIONE!!!!

Diabete mellito
Per diabete mellito si intende un gruppo di patologie metaboliche caratterizzate da iperglicemia (ovvero elevati livelli di glucosio nel sangue) dovuta a difetti nella produzione o nell’azione dell’ormone insulina.
L’insulina è una proteina prodotta dalle cellule beta localizzate a livello del pancreas. Quest’ormone, insieme al glucagone (un altro ormone sintetizzato sempre a livello pancreatico), ha la funzione di regolare i livelli di glucosio nel sangue; in particolare, dopo un pasto l’insulina viene prodotta e rilasciata nel sangue per consentire l’utilizzo di glucosio da parte di cellule e tessuti e, di conseguenza, permette la riduzione delle concentrazioni di questo zucchero a livello ematico.
Tra i sintomi tipici del diabete mellito identifichiamo: perdita di peso improvvisa e immotivata, sonnolenza e stanchezza psico-fisica, sete e fame costanti, aumentata frequenza di diuresi.
Le forme più comuni di diabete mellito sono:
- Diabete di Tipo I: è dovuto ad una patologia autoimmune che colpisce e distrugge le cellule beta del pancreas, impedendo così totalmente la produzione di insulina. È la forma più grave di diabete mellito (rappresenta il 5-10% dei casi) e spesso esordisce in età giovanile. Le cause che determinano la reazione autoimmune sono ad oggi poco conosciute. I soggetti affetti da diabete mellito di tipo I necessitano la somministrazione di insulina esogena, tutti i giorni per tutta la durata della loro vita.
- Diabete di Tipo II: associato ad una riduzione nella produzione dell’ormone o ad una mancata risposta delle cellule e dei tessuti periferici al segnale dell’insulina (si parla di insulino-resistenza). Questa è la forma più comune di diabete mellito (rappresenta circa il 90% dei casi) e si riscontra maggiormente in soggetti di età superiore ai quarant’anni, spesso sovrappesi o obesi.
È stato dimostrato che un cambio nello stile di vita, un’alimentazione sana e un’attività fisica costante, specialmente nelle prime fasi della patologia, possono migliorare se non addirittura bloccare la malattia e l’utilizzo di insulina esogena diviene necessario solo quando altri farmaci (definiti ipoglicemizzanti) non sono più in grado di modulare in modo soddisfacente i livelli di glicemia.

Qualunque sia la forma di diabete mellito è importante che il paziente segua una corretta terapia che permetta il mantenimento della glicemia entro i limiti fisiologici.
Infatti, elevati livelli di glucosio nel sangue, in particolare se mantenuti per lunghi periodi possono essere distruttivi per l’intero organismo. Le complicazioni associate all’iperglicemia possono essere distinte in due gruppi: a breve termine e a lungo termine.
Nel primo caso queste complicanze esordiscono in modo rapido e acuto; si possono riscontrare crisi o coma ipoglicemico (per esempio se non si effettua un pasto principale, in caso di attività fisica o se vi è stato un errore nella somministrazione esogena di insulina), coma iperglicemico chetoacidotico (tipicamente associato a diabete di tipo I) o coma iperglicemico iperosmolare (associato spesso a diabete di tipo II).
Le complicazioni a lungo termine invece sono dovute all’azione del glucosio, mantenuto a elevate concentrazioni per parecchio tempo, su organi e tessuti periferici. Questo zucchero infatti agisce come un “killer silenzioso” sui vasi e le arterie, alterando la corretta circolazione sanguigna e determinando aterosclerosi che può portare a macroangiopatie, come ictus o infarto del miocardio. Inoltre esso promuove l’insorgenza di patologie microvascolari, ossia che interessano i piccoli vasi, quali retinopatie (che comportano danni alla vista), nefropatie (che possono portare a insufficienza renale) e neuropatie (che favoriscono la formazione di lesioni a livello del piede e che possono condurre alla condizione definita “piede diabetico”).
Detto questo, diventa quindi chiaro quanto sia importante che il paziente affetto da diabete mellito controlli ogni giorno i livelli di glucosio nel sangue e che impari a seguire una corretta terapia.
Le Strisce Reattive OneTouch© Vita, da utilizzare con lo strumento OneTouch© Vita, vi permettono di monitorare con facilità la vostra glicemia durante l’arco della giornata. Attraverso la lancetta pungidito, il sangue capillare necessario potrà essere raccolto dal vostro polpastrello, dal palmo o dall’avambraccio e lo strumento OneTouch© Vita vi darà immediatamente la lettura della vostra glicemia. I risultati ottenuti sono assolutamente affidabili in quanto sono comparabili con i test quantitativi effettuati in laboratorio.

Avvertenze:
- Le Strisce Reattive OneTouch© Vita sono per uso esterno (uso diagnostico in vitro).

Formato:
Quattro confezioni da 25 strisce.

Il Dottor Cattaneo consiglia

Accu-Chek Aviva 100 strisce
Listino 132,20 €
Online 74,90 €

- 43%

- 43%

Online 74,90 €

Accu-Chek Aviva 100 strisce

Vedi prodotto